Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘le cose cambiano’

Non scrivo da tantissimo e chiedo perdono.  Avrei voluto scrivere 3 post diversi, ma non ho molto tempo e capirete a breve il perchè. Vi faccio un riassunto con la speranza di non scordare nulla.

A gennaio (mi pare) io e Vera ci siamo lasciate. Io  sono stata una stronza e l’ho fatta soffrire. Nell’ultimo anno lei era stata un po’ assente, dava per scontata la mia presenza nella sua vita e io mi sono sentita trascurata e ho fatto casino.

Ci siamo lasciate in modo doloroso, ma nonostante abbia voluto io questa separazione, non riuscivo a staccarmi del tutto da lei e la cercavo. Bella stronza sono stata. Lo so.

Un mese di dubbi, di perplessità. Di lacrime. Poi ho capito che l’unica cosa che dovevo fare era crescere e capire che la vita di coppia è fatta di tante cose e che le farfalle nello stomaco servono, ma non sono tutto.

Abbiamo deciso di ritornare insieme e di rimettere insieme i pezzi. Non è stato facile, ma ci siamo riuscite. In questa occasione io ho detto a Vera che la distanza mi faceva scoppiare e che volevo fare la pazzia di andare a vivere nella sua città al più presto. Ho iniziato a mandare cv ma senza fortuna. Come fare?

La mattina del 25 aprile mi ha telefonato ridendo e chiedendomi se volevo andare a lavorare nella cucina del bar di suo fratello!!! Mi si è fermato il cuore. Di botto, così, senza ma e senza se…avevo la possibilità di partire. Che fare?

Ho deciso di buttarmi e di avere quindi modo di vivere a stretto contatto con lei, cosa per noi totalmente nuova, visti gli anni di pendolarismo.

Abbiamo preso così casa e viviamo insieme da meno di un mese. Non vi nascondo che ho trascorso i primi tre giorni con l’angoscia nel cuore, pensando di aver fatto la cazzata del secolo. Il quarto giorno mi sono svegliata, l’ho guardata e mi sono sentita felice. Mi ero sempre chiesta come fosse vedersi tutti i giorni e ‘stare’ insieme. Ora lo so. E’ normale.

Vera ha fatto quindi un salto…venendo a vivere con me sin dal primo giorno, cosa che in realtà non mi aspettavo. Ovviamente sua madre continuava ad essere contraria.

Dopo qualche giorno dall’arrivo in città, mentre lavoravo, entra in cucina mia cognata e inizia il racconto:

‘ Non sai cosa mi è successo. Ero in macchina con mio suocero ( il papà di Vera ) e discutevamo del fatto che a casa Vera stava litigando con sua madre. Lui mi dice : ‘io lo so perchè litigano. Litigano perchè credo Vera vuole vivere con quella ragazza e mia moglie non l’accetta. Non ha capito che se è la sua serenità noi dobbiamo accettarlo’.

Non credevo alle mie orecchie. Il papà di Vera, zitto zitto aveva capito tutto e aveva deciso di accettare tutto per la felicità di sua figlia. Ora capite bene che avere tutta la famiglia dalla nostra eccetto sua madre mi dava molta tranquillità. Col tempo avrebbe ceduto anche lui.

Ancora qualche giorno dopo mi telefona l’altra mia cognata: – Ho parlato con mia madre. Ha deciso di cedere. Vuole sapere se vuoi andare a cena a casa sua.

Cosaaaaaaaaaaaaaa? Ha ceduto? Io e Vera eravamo sconvolte. Troppe cose nuove in pochi giorni, in una settimana.

Morale della favola, abbiamo mangiato già due volte in pochi giorni a casa dei suoi genitori.

Ragazzi le cose cambiano…ci vuole tempo magari…ma cambiano…

sfondo-con-fiori

Annunci

Read Full Post »

Spesso mi è capitato, mi capita di sentir dire che gli omosessuali siano fissati col sesso. Come se gli etero non lo facessero. Come se il sesso fosse per noi ( solo per noi) chiodo fisso.

Qualche giorno fa, andando in un famoso negozio di articoli per lo sport, io e Vera siamo rimaste folgorate da un affarino e ci siamo dette che sarà il nostro prossimo acquisto: una rete per il tennistavolo che non ha bisogno di ganci ( e quindi di un tavolo che posso accoglierli!)! A noi è sembrata una figata, e ci siamo immaginate sfatte dopo un torneo all’ultima pallina, al tavolo della nostra cucina. A parte il televisore, non c’è altro che potremmo rompere (tra l’altro è già rotto di suo).

A volte giochiamo a FORZA 4. A volte ci divertiamo a cantare vecchie canzoni. Vera inventa le parole. Io le so tutte. E se si convincesse a portare la sua chitarra qui a casa, potremmo fare sul serio. Forse il vicinato non ne sarà felice…ma poco importa.

Cosa? Il sesso…ah si, giusto. Siamo una coppia  normalissima. Ci ‘becchiamo’ come tutte le coppie. Ci ‘scorniamo’ come tutte le coppie. E’ innegabile che ci sia la fisicità. Ovvio, altrimenti saremmo amiche. ( Io adoro l’odore della sua pelle…mi manda fuori di testa…)

Chi pensa solo e morbosamente  a cosa facciamo nell’intimità della nostra casa, credo, abbia qualche problema. Problemi con se stessi, con ciò che si è, con le proprie voglie e i propri desideri.

E mentre qualcuno si ostina a sbirciare dal buco della serratura delle nostre camere da letto, noi veniamo sempre più fuori e scriviamo piccoli pezzetti di storia.

A scrivere pezzetti di storia siamo io e Vera che, nel quotidiano, cerchiamo di far capire ai nostri amici che non siamo poi così strane. Ci sono Alessandra Brogno e Francesca Vecchioni che, grazie alla loro visibilità, entrano nelle case della gente con discrezione ma con fermezza.  Ci sono Francesca e Maria Silvia che, oltre ad aver avuto il coraggio di fare quattro figli, hanno fondato una casa editrice LO STAMPATELLO per bambini e trattano con loro e per loro, anche argomenti che le altre case editrici hanno paura di trattare. E poi ci sono ancora Ingrid e Lorenza, con il loro progetto LEI DISSE SI, e ancora MELADAILABRIANZA, DIARIO DI UNA LESBICA ( pagina fb)…e ancora la famiglia La Delfa Hoedts, Le cose cambiano

Lsb web serie, re(l)azioni a catena.

Potrei continuare all’infinito. Chi pensa di tenerci chiusi in camera da letto ha proprio sbagliato. Noi siamo fuori!

Read Full Post »

E’ appena arrivato il libro LE COSE CAMBIANO acquistato su amazon.it

Sono emozionata. Ho voluto acquistarlo per contribuire ad un progetto importante. E’ un contributo che vuole esprimere gratitudine a chi ha lottato perchè noi ‘giovani’ omosessuali potessimo avere una vita meno difficile della loro.

E’ un contributo che vuole sostenere le nuove generazioni, perchè nessun adolescente abbia da sentirsi triste, solo e sbagliato, come mi sono sentita io a sedici anni.

Tocco il libro, ne annuso il contenuto ma non lo sfoglio. Devo impastare la pizza, a breve arriverà la mia fidanzata. Fare casa è anche questo.

Finalmente, mentre attendo che arrivi, lo apro. Ma non lo sfoglio, non lo leggo d’un fiato. Faccio scorrere il mio dito sull’indice e mi fermo su: Il cambiamento è contagioso di Francesca Vecchioni.

Inizio la mia lettura da Francesca. Inizio a leggere e mi commuovo. Lo sapevo che sarebbe andata così. Le cose cambiano, è vero, ma ne sperimento il dolore. Ogni coming out, anche se si risolve spesso con un ‘ guarda che l’ho sempre saputo’ è sempre travagliato. Ricordo quando, in chat, su skype, lo dissi a Maria Novella, o quando ne parlai, sempre su skype, con Giovanna che si trovava in Tunisa per lavoro. Mi si stringeva il cuore e avevo il terrore di un rifiuto.

Oggi lo sanno tanti amici e posso dirlo tranquillamente, non ho perso nessuno per strada. Con qualcuno c’è stato qualche problema iniziale, ma poi la mia vita, la nostra vita ha parlato. Oggi, quelle stesse persone, mi dicono: ‘ Hai frantumato le mie barriere, il mio pregiudizio. Ne avevo paura perchè non conoscevo’.

Mio fratello e una sorella sanno, ne abbiamo parlato. Con la mia sorella maggiore non ne abbiamo mai parlato ma sa e vuole bene alla mia principessa.

Alcuni zii e cugine sanno e anche loro adorano la mia Vera. I miei genitori? Non ho mai trovato il coraggio di parlarne. Mi si stringe il cuore, mi si riempiono gli occhi e la gola di lacrime e non riesco. Però conoscono Vera, sono quasi tre anni che trascorriamo due fine settimana al mese insieme, le ferie, le feste comandate. Tutte le scelte importanti le faccio con Vera e loro lo sanno. Anche i mobili per la casa li scelgo con lei. Loro la stimano, le vogliono bene. E’ tutto tacito, ma sanno. Sanno bene che ‘dormiamo’ nello stesso letto e sanno che ogni anno io e Vera partecipiamo al pride regionale. Non troviamo il coraggio di toccare l’argomento ma credo che se fossero contrari…lo noterei!

le-cose-cambiano_mid

Le cose cambiano, spesso troppo lentamente, ma cambiano. Non dobbiamo mollare, anzi, dobbiamo ricordarci che siamo noi gli artefici della nostra felicità. Le cose cambiano e cambieranno ancora…e tanto. Ne sono certa.

 

Read Full Post »