Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘alimentazione vegan’

Finalmente riesco a fermarmi. Da quanto non scrivo? Tanto, troppo. Ho avuto mesi intensissimi, con ritmi non umani. Ma non c’era modo di fermarsi. Dovevo correre, scattare, passare da una cosa all’altra.
Ma ora sono qui. Musica a palla. E voglio raccontarvi di me, di Vera, di sogni che si dimenano nei cassetti e vogliono uscire. Bussano, impazzano. Vivono.
Ho finito il corso di Commis di cucina. Direi anche FINALMENTE! 1000 ore di corso sono davvero tantissime. Alcune importanti, altre meno. Ma tutte molto pesanti. Lavorare la sera, lavorare il pomeriggio e la mattina seguire 6 ore di lezioni piene, cariche di contenuti. 200 ore di laboratorio con uno chef ‘importante’. 280 ore di stage. Ho lavorato sodo, mi sono messa in gioco e ho imparato tanto.
Adesso lavoro in un ristorante, come lavapiatti e aiuto dell’aiuto cuoco  . Lavoro nei fine settimana e anche qualche altro giorno. Il lavoro è molto pesante, ma mi piace molto. Ho avuto la forza di rimettermi in gioco e mettere la mia sudata laurea in un cassetto. Reinventarsi, reinventarsi sempre. E’ questo il mio leit motiv. Domani chissà cosa farò, ma l’importante è non stare fermi. Mai. Poi mi occupo anche di supporto scolastico per tre ragazzini. Questo paradossalmente è più pesante del ristorante perché a loro non interessa proprio studiare. Hanno l’opportunità di una persona tutta per loro, che li segue passo passo e buttano tutto nel cesso. So ragazzi. Capiranno tra qualche anno.
Sono stati mesi difficili. Io e Vera ci siamo viste poco, e ne ho sentito forte la mancanza. Sono andata in tilt, ho perso la testa, ho sbattuto contro cento muri. Mi sono ferita, ho ferito. Ma ho capito. Voglio stare con lei e voglio costruire con lei.
Ma oggi vorrei parlarvi di loro. Delle mie colleghe dell’università. Come sapete ( o forse no) mi sono laureata nel 2011. Negli ultimi anni di università ho avuto modo di ‘legare’ con alcune ragazze. Età diverse, diverse città, come diverse le nostre vite. Eppure continuiamo a sentirci e frequentarci. Riusciamo a vederci di tanto in tanto, anche solo per un caffè. Un caffè lungo 100 km per me, una metromare per Cetty, autobus rincorsi per le altre.
E stasera voglio ringraziarle queste splendide ragazze. E voglio ringraziarle una ad una:
Cetty, Giusy A., Giusy M., Roberta Lo T. , Francesca, Albert, Grace, Maria Cristina, Agnese, Tina, grazie!
Un gigantesco grazie per la vostra presenza nella mia vita. Sono scontrosa. Lo so. Burbera. Lo so. Ma vi voglio bene. Siete davvero delle splendide…amiche!

50679270_2

Annunci

Read Full Post »

Faccio una  premessa. La gente che si ferma al superficiale è STUPIDA. Chi è intelligente approfondisce gli argomenti. Stop. Fine della storia. A chi non piace questo modo di pensare…mi spiace. Il mondo se ne farà una ragione.

Ma andiamo a noi.

in tarda mattinata ho mangiato 4 banane, forse 5, la spremuta di una arancia e una mela…e ho saltato il pranzo, visto che mi sentivo pienissima

Poi sono andata in palestra. La mia (d)istruttrice mi ha cambiato il programma e invece di fare 80 minuti lenti ne faccio 30 di cui un paio in corsetta. Morta. Finisco ko. Sudata. Puzzolente. E ko!

Tornando ho fatto fuori un paio di mandaranci…ma non sono soddisfatta. Ne voglio ancora!!!! Dopo la doccia di certo ne mangerò altri.

La cena sarà un po’ più corposa. Oggi ho comprato del cavolfiore che ho bollito e che metterò in forno con della veg besciamella…na robettina leggera, da mangiare con pane ai cinque cereali fatto da me e delle verdure col pomodoro

Se non mi scoccia troppo faccio qualche foto..ma so già che non le farò!

a domani!

Read Full Post »

Lo dico da tempo: mangiare sano e fare attività fisica sono un investimento per il futuro. Prendersi cura di se dovrebbe permetterci di vivere una vita non troppo carica di malattie. Dovrebbe, poi non sappiamo. Quando qualcuno mi dice che di qualcosa si deve pur morire, rispondo che comunque io non sto cercando il modo più cruento. Quello che verrà, verrà, di certo io non me le tiro dietro.

Da tempo cerco di fare un piano di investimento per così dire e non è sempre facile. E’ vero mangio vegan, ma mangio anche tanta frittura (che è la base della cucina di mamma e di nonna e, per la proprietà dei vasi comunicanti, anche mia). Da un po’ mi sono data allo sport. Prima andavo a camminare, da un mese mi sono iscritta in palestra. Sono entusiasta!

Faccio due giorni di cardiofitness e uno di pilates. Poi, quando riesco, vado anche a camminare. Mi sono messa proprio d’impegno! Questo perchè inizio a vedere i risultati. No, non ho perso VENTORDICI CHILI in un mese. Si e no ho perso due chili, però ho perso qualche centimetro. Poi noto che il mio fiato migliora di giorno in giorno.Tra l’altro, durante l’ultima lezione di pilates, sono pure riuscita a toccarmi  le punte dei piedi. Per me è una grande conquista, vista la mia salute e il pancione che mi ritrovo!

Per il momento non condivido con voi le mie misure, magari la prossima volta vi aggiorno nel dettaglio.

Vorrei solo, adesso, aprire una piccola parentesi sulla camminata. Chi dice si. Chi dice no. Chi dice almeno 40 minuti. Chi tutti i giorni. Io credo che se c’è da perdere peso 15 minuti al giorno ovviamente non bastano. Bisognerebbe spingere piano piano fino a raggiungere almeno 50/60 minuti. Qualcuno dirà: ‘come faccio io che non ho tempo?’. Intanto dico: meglio 15 minuti che niente proprio. E ancora: mollate l’automobile sotto casa. Uscite a piedi tutte le volte che potete. Scordatevi di avere la macchina. Evitate l’ascensore (anche se state all’undicesimo piano) oppure fermatelo uno o due piani prima del vostro, in modo da fare un po’ di scale a piedi. La domenica, quando siete liberi, invece di andare al centro commerciale (lo so piace anche a me), andate al parco a fare una passeggiata. Anche se c’è freddo. Soprattutto se c’è freddo. E’ un toccasana.

Read Full Post »

Sapete qual è il mio problema?? Io amo cucinare!!!!

Questa mattina, come ogni martedi sono andata a fare una bella camminata sostenuta, ma lo scirocco è stato un po’ antipatico…poi un frullatone con due banane, 4 pesche e mezzo litro d’acqua. Ho poi pranzato con mezzo melone cantalupo che a dire il vero non era proprio buono…

Nel pomeriggio, mea culpa, un gelato…e poi mi sono messa a spadellare:

Ho preparato le melanzane di Stellavegan, un’insalata di carote, patate, pomodoro e piselli + una bella farifrittata con le patate….

sono una vergogna vegan!

Read Full Post »

Io e Ariella ci siamo conosciute due anni fa su un forum di vegani. Io ero una giovane piena di domande sullo stile di vita vegan, e lei…una tipa un po’ fuori le righe che mi ha adottata 🙂

Ha iniziato col darmi qualche dritta in riferimento all’alimentazione. Mi piaceva leggere ciò che mi scriveva…i suoi modi semplici, pungenti e a tratti irriverenti mi divertivano e spalancavano  i  miei orizzonti.

Fino ad allora (dicembre 2008) io ero vissuta in  un ambiente (cattolico) ovattato, dove purtroppo spesso passa l’idea che noi siamo i buoni e fuori, si, fuori dalle nostre case, dalle nostre associazioni, dalle nostre chiese ci sono i cattivi.

Con Ariella, non so perchè, è stato tutto semplice. Da subito, ma proprio subito, mi sono sentita accolta, anche quando facevo mille domande. E io le ho subito voluto bene, anche quando in modo irriverente punzecchiava ( e punzecchia) la Chiesa.

Ci siamo scritte, ma neanche tanto. Di tanto in tanto sbircio il blog o la sua pagina di facebook (ah benedetta tecnologia). Un giorno di non molto tempo fa ci siamo viste in cam e dopo più di un’ora di chiacchierata mi sono resa conto che era la prima volta che ci vedevamo!! strano…era stato così…normale!!!

Telefono? Beh..ci siamo sentite precisamente due volte. Sms? No, forse solo qualcuno di servizio.

Con Ariella ho condiviso le piccole gioie della scoperta vegan, l’emozione nel cucinare le prime ricette, perplessità sulla vita e anche qualche dolore e un po’ di stupore. La bellezza di questa donna è che non si scompone…sa ascoltare…e sa volerti bene così come sei…così per come ti hanno montato.

Ariella è, come scrisse lei nel post VEGAN DEL MESE di maggio 2008 , una sorella maggiore. Io la sento davvero come tale. So per certo, che se avessi bisogno (proprio come ne ho già avuto), lei ci sarebbe, sempre lì, pronta a battagliare e ad offrirmi una battuta capace di strapparmi un sorriso.

Se vi state chiedendo perchè mai sto scrivendo queste cose, ve lo dico subito: Non importa quale sia il vostro credo, non importa che viviate a Pordenone, a Latina o a Ragusa, e ancora…non importa sentirsi ogni giorno o incontrarsi spesso, quello che importa veramente è il rispetto, quello che importa davvero è l’accoglienza dell’altro.

E io…in quel soldo di cacio della Martino ho trovato tutto questo.

Grazie Ariella per il lavoraccio che porti avanti col blog, è importante per tutti quelli che, anche per caso ( ma esiste il caso?…come dici tu in maggio 2008), ci sbattono contro.

Read Full Post »

E’ vero, sta succedendo a me.

Cosa?? Se hai la bontà di attendere te lo spiego….

Fino a qualche anno fa credevo che i vegetariani fossero tutti fricchettoni modaioli figli di papà.  Quando qualcuno mi parlava di energia, pensavo semplicemente: Fanatico. Poi è successo a me. Quando mi sono avvicinata all’alimentazione vegan mai avrei pensato che fosse qualcosa di più. Qui non si parla solo di mangiare o meno verdure o carni varie…qui l’uomo si mette  a tu per tu con il mondo, con il cuore del mondo.

Da quando sono vegan, è iniziato un cammino semplice e naturale che mi porta sempre di più a percepirmi un tutt’uno con il Creato. E’ vero…quando smetti di mangiare carne, cambia tutto dentro e fuori di te…la mente si svuota, si ‘stura’ e si percepisce meglio quello che succede attorno a noi…si affinano i sensi.

Per questo invito tutti a sperimentare…qualche mese non costa nulla…e per questo chiedo ai veg se condividono con me…o se sono io semplicemente pazza schizzata

Read Full Post »

Ancora tanta gente è convinta che i vegan ( ma anche i vegetariani) siano persone modaiole, snob, benestanti e nulla facenti. Niente di più sbagliato ( o meglio ci sono…ma non sono la maggioranza). Chi ha fatto la scelta di andare controcorrente e nn nutrirsi di animali è caratterizzato da forte motivazione volontà…tanta volontà. Ma non sto qui a far discorsi teorici, quel che desidero oggi è portare un tocco di concretenza!

All’inizio anche io mi chiedevo cosa mangiassero i veg, poi piano piano…mi si è spalancato un mondo dinanzi ai miei occhi.

Qualcuno obietta che i piatti veg siano di difficile preparazione. SBAGLIATO. O meglio, ci sono i piatti elaborati ( ma questi li troviamo anche nella dieta onnivora), ma li facciamo quando possiamo. E’ vero, il seitan e il tofu costano, ma non sono la base della nostra alimentazione. Io, per esempio, in quasi nove mesi di alimentazione veg, ho mangiato il seitan solo due volte.

La nostra alimentazione è costituita da frutta fresca o secca, verdure, cereali, semi. Per avere un’alimentazione varia, sana e colorata, basta seguire i ritmi delle stagioni!

E’ vero, la preparazione dei legumi e dei cereali in chicco ‘prende tempo’ ma io ho risolto cosi: preparo dei pentoloni di legumi nei giorni in cui sono più libera, poi li divido in porzioni e li metto in freezer. I cereali, basta metterli in ammollo la sera per il giorno dopo. Certo, arrivare e schaffare una spinacina in padella è molto più semplice e veloce, ma credo sia anche importante ‘educarsi’ e non farsi travolgere dai quattro salti in padella. Il nostro palato ha bisogno di riscoprire i sapori che oggi sono camuffati dietro ai sapori artificiali.

I costi? Facciamo un esempio: mezzo chilo di carne costa sulle 5 euro e sono circa 4 fettine. Mezzo chilo di fagioli azuki biologici costano meno di due euro. Una porzione equivale a 60 gr. in totale 8 porzioni. con meno di due euro avrete quindi 8 porzioni. Frutta e verdura? Lo sappiamo, comprare Bio non è sempre facile, ma esistono i mercati rionali. Si compra bene e si spende relativamente poco. La forza dei vegan non sono i soldi o il tempo, ma la forte motivazione.

 

Read Full Post »

Older Posts »